La popolarità dei prodotti CBD sta guadagnando terreno in tutto il mondo grazie ai numerosi benefici terapeutici. Varie organizzazioni sanitarie come l’OMS e altri istituti di ricerca hanno identificato i benefici per la salute e il benessere dell’utilizzo della pianta di cannabis. Inoltre, mentre gli studi sono ancora nella fase iniziale, è stato dimostrato che il CBD aiuta ad alleviare i sintomi dell’asma. Tuttavia, in che misura l’olio di CBD può aiutare con l’asma?

In che modo il CBD può alleviare i sintomi dell’asma?

La ricerca mostra che l’olio di CBD offre benefici neuroprotettivi perché possiede più benefici della vitamina E e C. Inoltre, l’olio di CBD ha effetti antiossidanti e antinfiammatori, rendendo questo integratore vegetale un alimento base nel settore della salute e del benessere. Il CBD può ridurre l’impatto dell’asma sui polmoni quando viene attivato riducendo al minimo l’iperreattività delle vie aeree.

Nel 2019, la ricerca sui topi che mostravano sintomi di asma ha indicato che l’olio di CBD ha ridotto al minimo l’iper-reattività e l’infiammazione nei soggetti. Tuttavia, quella ricerca è considerata debole perché si basa solo sugli animali e non esiste ancora una correlazione diretta negli esseri umani. Inoltre, mentre sono necessarie ulteriori ricerche per elaborare in modo conclusivo l’impatto del CBD sull’asma, i risultati preliminari sono piuttosto positivi.

Come usare l’olio di CBD per l’asma

La ricerca condotta nel 2019 mostra che oltre 380 milioni di persone in tutto il mondo hanno l’asma, con più della metà di quelle che soffrono di sintomi gravi. Come risultato di queste cifre allarmanti, sono in corso vari studi per sviluppare una soluzione permanente per affrontare l’asma e il CBD è uno degli ultimi. Oggi, i pazienti con asma che usano il CBD hanno riportato un impatto positivo sui loro sintomi. Tuttavia, non esiste una dose specifica per l’olio di CBD per l’asma che sia una taglia unica.

Sebbene una ricerca evidenzi che 1.500 mg di CBD al giorno possono aiutare i pazienti con asma, mancano prove sufficienti perché il dosaggio ottimale di una persona dipende da una varietà di fattori fisiologici ed esterni. La chimica del tuo corpo e l’esperienza con il CBD, ad esempio, determinano il tuo dosaggio. Se sei un veterano, prendi in considerazione l’assunzione di una dose più alta del normale per una rapida efficacia. D’altra parte, si consiglia ai consumatori di CBD alle prime armi di iniziare con dosi più basse e aumentarle gradualmente a seconda della reazione del corpo.

La rapida efficacia può anche essere determinata da come somministrate il vostro olio di CBD. Esistono diversi modi per somministrare il tuo olio di CBD; per via orale, sublinguale o aggiunta al tuo cibo o bevanda preferito. L’uso sublinguale è considerato il più efficace. Gli esperti suggeriscono di utilizzare un contagocce per prendere la dose prescritta e mettere le gocce sotto la lingua; tenerlo premuto per 60 secondi prima di deglutire.

Questo metodo è considerato efficace perché accelera l’assorbimento dell’olio di CBD nel flusso sanguigno, creando un impatto immediato. Puoi anche aggiungere il tuo olio di CBD alle tue bevande e cibi preferiti per evitare il gusto naturale. Tuttavia, potrebbe ridurne la qualità e le prestazioni a causa di altri elementi, in particolare nelle bevande; evitare di mescolare con bevande alcoliche o di assumere il dosaggio contemporaneamente.

Come scegliere il miglior olio di CBD per l’asma

Se desideri utilizzare i prodotti a base di olio di CBD per affrontare i frequenti sintomi dell’asma, dovresti scegliere il meglio. Nel frattempo, considera i seguenti fattori chiave;

Il tipo di estratto di CBD

Esistono tre tipi di CBD; isolato, a spettro completo e ad ampio spettro. Gli esperti medici suggeriscono che il CBD a spettro completo è di aiuto ai pazienti con asma poiché contiene altri elementi utili della pianta di cannabis, come i terpeni. Tuttavia, non è raccomandato poiché contiene tetraidrocannabinolo (THC), che è responsabile dello “sballo” delle persone.

Per evitare l’effetto intossicante del THC, prendi in considerazione una formulazione ad ampio spettro perché contiene tutti gli elementi della canapa tranne il THC. Secondo il Farm Bill che ha legalizzato i prodotti CBD nel 2018, i livelli di THC dovrebbero rientrare nel limite dello 0,3%. Una ricerca del 2011 mostra che i terpeni sono utili per le persone asmatiche perché riducono gli effetti infiammatori se combinati con i fitocannabinoidi.

La purezza dei prodotti

Mentre consideri di affrontare l’asma usando l’olio di CBD, dai la priorità alla qualità. Assicurati che siano privi di contaminanti nocivi come metalli pesanti e residui di pesticidi. Acquista il tuo olio di CBD da un marchio che valuta la purezza e la potenza dei suoi prodotti come precauzione di sicurezza. Durante l’esecuzione di un controllo di purezza, assicurati di seguire le procedure utilizzate dal marchio dal livello del seme.
Inoltre, afferma che il marchio utilizza pratiche di agricoltura biologica per evitare la contaminazione della canapa da fertilizzanti artificiali e pesticidi. Inoltre, usa l’olio di CBD ottenuto utilizzando il metodo di estrazione con CO2 perché è considerato pulito ed efficace, a differenza dell’etanolo. Infine, evita i marchi che utilizzano più sostanze chimiche durante la produzione poiché è probabile che contaminino i prodotti.

Effetti collaterali del CBD sui pazienti asmatici

Sebbene i prodotti CBD siano associati a vari benefici per la salute, incluso il sollievo dai sintomi dell’asma, il modo in cui lo prendi o la concentrazione è importante. L’assunzione di prodotti di CBD Vaporizzato può danneggiare i pazienti asmatici poiché interrompe la normale respirazione bloccando i polmoni. Può portare a gravi conseguenze che richiedono cure mediche urgenti dovute alla mancanza di respiro. Altri effetti collaterali del fumo di CBD includono infezioni ai polmoni, respiro sibilante e tosse frequente. Inoltre, prendi la quantità prescritta per evitare altri effetti collaterali dell’olio di CBD, come diarrea e grave nausea.

Conclusione

Sebbene il CBD sia stato associato all’affrontare vari problemi di salute e benessere, ulteriori ricerche devono offrire prove più sostanziali. La domanda se l’olio di CBD aiuta a ridurre gli effetti collaterali dell’asma rimane senza risposta. Tuttavia, la ricerca sugli animali indica risultati promettenti, ma solo se altri elementi significativi sono stati miscelati nella pianta di canapa biologica.

Inoltre, il CBD a spettro completo e ad ampio spettro ha mostrato risultati promettenti poiché contiene terpeni responsabili della riduzione dell’infiammazione se miscelato con i cannabinoidi. È anche importante notare che non tutti i prodotti CBD possono aiutare le persone asmatiche come l’olio di CBD. Evita i prodotti di vaporizzazione di CBD poiché è probabile che peggiorino la condizione ponendo conseguenze pericolose per la vita a causa del blocco dell’aria intorno ai polmoni.